Riparo Roberto  2°p

 | Arnalo dei Bufali | La Villa Romana | Via dei Templi |

 

| Riparo Roberto 1a parte | 3a parte  | il Progetto |

 

Riparo Roberto

(sito del Neolitico)

Eppure questi gioielli che farebbero gola a qualsiasi attenta amministrazione, catalogati e studiati da grandi professori come Blanc e Breuil (che fanno risalire i graffiti all'epoca dei metalli), in bella mostra su importanti riviste specializzate, vengono totalmente ignorati e trascurati non solo dalle locali autorità ma anche dal resto della comunità e non ultimi studiosi e mezzi di informazione.

In questi giorni (Giugno 2001) il quotidiano Latina Oggi, tramite la penna di Giovanni Rieti con cui ho condiviso questa prima esperienza dell’inchiesta sui beni archeologici a Sezze, sta pubblicando a più riprese articoli dove appaiono le mie foto.

Ma, a differenza delle pagine scritte da Rieti, il mio giudizio sulle cause e sui responsabili delle incurie è più vasto e non si limita alla pur certa colpa da imputare all’amministrazione del comune.

 

Gli esperti in materia, i ricercatori locali e tutto il mondo della cultura setina mi appaiono amorfi, indifferenti quasi complici del degrado evidenziato nell’inchiesta.

Anche la cittadinanza e le molteplici associazioni non incidono come dovrebbero, dimostrandosi troppo spesso poco attente agli interessi comuni. Di frequente emergono invece disinteresse e piccoli vantaggi personali a danno del bene dell’intera comunità.

Mentre qui a fianco potete ammirare oltre al riparo Roberto anche la grotta Iolanda, a cui lo scopritore, l'antropologo Prof. Marcello Zei, all'inizio degli anni '50 ha dato rispettivamente il nome del figlio e della moglie.

Dai numerosi reperti ritrovati nella grotta Iolanda si fa risalire il sito al Paleolitico superiore.

continua

 

  | Arnalo dei Bufali | La Villa Romana | Via dei Templi |

 

| Riparo Roberto 1a parte | 3a parte  | il Progetto |