La Passione 2015  27

 Dubbio di Pilato nel sogno di Procula

 

Pilato è ricordato universalmente per il giudizio che non è riuscito a dare su Gesù; in fondo c'è stata solo una sentenza, ma senza processo. La sentenza avrebbe potuto esser data dagli stessi ebrei, visto che si trattava di condannare un loro preteso Messia, e così avrebbe voluto Pilato senza essere lui coinvolto. Matteo descrive il suo "lavarsi le mani", a significare la sua estraneità (é anche "innocenza"? Mt.27,24). Matteo è l'unico che riferisce anche di un sogno che ha turbato la moglie di Pilato. Sappiamo che si chiamava Procula e che era figlia della terza moglie di Tiberio e forse per qualche tempo sua favorita. Molte leggende si accaniranno su lei. Qui ci colpisce lo stesso verbo che poi il Credo userà per Gesù, "ha sofferto" in sogno a causa di lui.

Il sogno di Procula, moglie di Pilato. Incisione di Alphonse François. ca. 1879

 

La Passione 2015  27