Centro Studi   San Carlo Da Sezze

IV centenario della nascita

Giovedì 31 ottobre 2013

Inaugurazione busto di S. Carlo

Giovedì 31 ottobre 2013  > Ore 17,30 : Cattedrale di Santa Maria
Il cardinale Angelo Comastri inaugura il busto in bronzo di San Carlo da Sezze,  che viene collocato in PIazza San Lorenzo davanti alla casa natale del santo.

L'inaugurazione è stata preceduta da una solenne celebrazione eucaristica, presieduta da Sua Eminenza, nella Cattedrale di Santa Maria.

Saluto a San Carlo da Sezze

comunicato stampa del Comune di Sezze
Il 1° novembre scorso le spoglie del Santo hanno lasciato la città di Sezze per far ritorno a Roma nella chiesa di S. Francesco a Ripa.

Venerdì 1° novembre la comunità setina ha salutato S. Carlo le cui spoglie mortali hanno fatto ritorno a Roma nella chiesa di S. Francesco a Ripa dove risiede stabilmente.

La cerimonia di saluto è stata anticipata da un altro importantissimo evento, organizzato dalla Commissione denominata “IV centenario della nascita di S. Carlo da Sezze, 1613-2013”.

Il 31 ottobre scorso, infatti, è stato inaugurato il busto bronzeo di S. Carlo posto dalla città di Sezze a ricordo delle celebrazioni del 400° anniversario della sua nascita.

L’inaugurazione è stata preceduta da una solenne celebrazione eucaristica presieduta dal cardinale Angelo Comastri, vicario generale di papa Francesco.

Dalla cattedrale di S. Maria il corpo del Santo è stato portato in processione fino a piazza S. Lorenzo, dove il busto successivamente è stato inaugurato.

La giornata del 1° novembre, invece, è proseguita con un bagno di folla che ha popolato nuovamente la cattedrale di S. Maria.

Qui si è svolta una solenne celebrazione eucaristica presieduta in via eccezionale dall’arcivescovo Adriano Bernardini, nunzio apostolico in Italia.

Oltre ai rappresentanti dell’Amministrazione Comunale, primo fra tutti  il Sindaco Andrea Campoli, alle autorità civili, militari e religiose, massiccia è stata la presenza dei cittadini e fedeli che hanno voluto portare per  l’ultima volta il loro saluto al Santo, Patrono della città insieme a S. Lidano d’Antena.

Significativa è stata l’omelia di Sua Eccellenza Reverendissima l’arcivescovo Bernardini che ha ricordato la profonda umiltà di S. Carlo, il quale da giovanissimo pronunciò voto di castità entrando nella provincia romana dei Frati minori riformati e abbracciando, quindi, gli insegnamenti di S. Francesco d’Assisi che invitava i suoi fratelli ad una vita di povertà.

L’arcivescovo ha rimarcato il profondo attaccamento ed affetto dei cittadini di Sezze al proprio Santo, elementi deducibili dalla folta partecipazione alla cerimonia di saluto.

Dopo l’omelia si è tenuta la lettura del verbale del Tribunale Diocesano, a cura di don Massimiliano Di Pastina, attestante la giusta cura e custodia del corpo del Santo in questi mesi di permanenza dello stesso a Sezze.

Anche padre Nicola Macale, custode-portitore del corpo di San Carlo, ha confermato quanto esposto nel verbale e ha ringraziato tutta la comunità setina per aver accolto il suo invito a non lasciare mai in solitudine l’urna del Santo, affidata dal 1° settembre scorso alla propria città natale, e ha ringraziato i fedeli anche per la calorosa accoglienza dimostratagli nelle sue visite a Sezze.

Al termine della cerimonia il corpo di S. Carlo è stato portato in processione da piazza Duomo per le vie della città.

Il cardinale Angelo Comastri con le autorità locali

San Carlo viene portato in processione in piazza San Lorenzo

Il sindaco di Sezze insieme al cardinale Comastri scoprono il busto di San Carlo

Visita del cardinale Comastri alla casa natale di San Carlo

> Archivio Capitolare