La Passione 2017  2  

 prima parte

il corteo è aperto dalle Confraternite seguito dalle autorità e dagli Araldi che aprono il dramma

La reliquia di San Leonardo da Porto Maurizio per la prima volta in processione a Sezze

a cura di Vittorio Del Duca Assistente Confraternita del Sacro Cuore di Gesù

La prima parte della processione del Venerdì Santo, aperta dalle Confraternite, dal Cristo morto e dalla Madonna dell’Addolorata cui fa da corona il canto delle pie donne è quella liturgica ed è la più antica. 
Secondo il compianto don Vincenzo Venditti, la processione liturgica trarrebbe origine dalle parole dell’Apostolo Paolo, che sostando a Foro Appio durante il suo tragitto a Roma e vedendo corrergli incontro dal colle di Sezze una moltitudine di gente, vi inviò il carissimus comes (carissimo compagno di peregrinazioni) San Luca, perché evangelizzasse il popolo setino. 

È per tale ragione che San Luca è stato per lungo tempo, patrono della città di Sezze. 
La Confraternita del Sacro Cuore di Gesù detta dei Sacconi è l’unica ad essere stata fondata da un Santo. Fu istituita da
San Leonardo da Porto Maurizio (Imperia), frate francescano, amico e confessore del cardinal Corradini, durante alcune missioni popolari compiute in città tra il 1732 ed il 1741

La confraternita reca quest’anno in processione, per la prima volta, la teca con la reliquia di San Leonardo da Porto Maurizio, donatale in occasione del pellegrinaggio 2016 ad Imperia, dove nella chiesa Concattedrale di San Maurizio e Compagni Martiri sono custodite le spoglie mortali del santo, patrono della città. 

La Passione 2017  2