Estate setina

LATIUM WORLD FOLKLORIC FESTIVAL

2 agosto 2014                                                         Sezze ore 21,00 -  Centro sociale U. Calabresi
edizione 2014

ore 18,30 Animazione e spettacolo per i vicoli del centro storico
ore 21,30 Serata Folklorica presso il Centro Sociale "Ubaldo Calabresi"

LATIUM WORLD FOLKLORIC FESTIVAL

un Festival “nuovo” dal cuore antico, creato dall'importante esperienza del Festival della Collina

sito ufficiale > http://www.latiumfestival.it

Musiche e Danze popolari del mondo per una cultura della Pace - CIOFF(r) con 11 gruppi internazionali che arriveranno nel Lazio in rappresentanza dei cinque Continenti.

Il Gruppo Folkloristico “I Turapitto” Città di Sezze nasce nel gennaio del 2011 per opera di alcuni ragazzi e ragazze sollecitati artisticamente dalla scoperta della musica popolare, ammirati e stupiti dal calore dei suoni degli strumenti tradizionali capaci di trasmettere emozioni oggi quasi dimenticate.Il gruppo è prevalentemente formato da giovani che credono nella possibilità di migliorare il futuro partendo dal passato, giovani legati dalla passione per il Folklore e la storia di Sezze, le origini e le sue radici, con lo scopo di diffondere e praticare le tradizioni folkloristiche della città, tutelando, promuovendo e valorizzando tutte le entità di interesse culturale, artistico e storico del territorio setino. Nel suo breve cammino artistico il gruppo ripropone usi, costumi e tradizioni attraverso il ballo popolare, la musica ed il teatro dialettale, riscoprendo antichi testi e valorizzando musicisti, poeti e scrittori antichi. Il gruppo prende il nome da una piccola trottola (in gergo locale i Turapitto) che negli anni '50 e '60 era il gioco preminente di strada di tutti i bambini locali. I temi musicali, i costumi e le danze che sono alla base del suo repertorio sono caratterizzati da una particolare atmosfera di gioia e di briosità che il gruppo “I Turapitto” ha cercato di mantenere intatta con brevi coreografie piene di luci, di colori e di rapidi movimenti. Dopo aver affrontato molteplici difficoltà il gruppo è oggi una bellissima realtà, orgoglio dell'intera Città di Sezze.

Sabato 2 agosto il “Latium World Folkloric Festival” farà tappa a Sezze

L’iniziativa è inserita all’interno del programma dell’Estate Setina 2014 e avrà inizio alle ore 18:30 con animazione e spettacoli per i vicoli del centro storico del paese per proseguire in serata (ore 21.30) presso il Centro Sociale “U. Calabresi”.

Il Latium Festival, per i suoi alti valori artistici e organizzativi, è riconosciuto dal CIOFF® mondiale (Conseil International des Organisations de Festivals de Folklore et d’Arts Traditionnels. ONG, presente in più di 90 Paesi al mondo, in relazioni formali di consultazione con l’UNESCO).

Con la partecipazione di circa 400 giovani artisti il Festival propone ogni anno, per 12 giorni, a cavallo tra il mese di luglio ed il mese di agosto, un importante appuntamento di danze e musiche della tradizione popolare di tutto il mondo, trovando accoglienza negli incantevoli scenari del Lazio, da Roma a Cori, dal Colosseo al Tempio d'Ercole, tra i territori delle colline romane e dei monti Lepini ricchi di tradizione ed arte, passando per la splendida Cisterna Romana di Segni ed i caratteristici centri storici di Sezze e Paliano, nel Teatro Romano di Terracina, fino ad arrivare a ridosso del cinquecentesco palazzo Caetani di Cisterna, nel borgo medievale di Sermoneta e nell'incantevole giardino botanico di Ninfa, sorto tra le rovine di una città medievale tra mura, torri, chiese e antichi conventi.

La manifestazione che ha tra le principali finalità la valorizzazione dei centri storici del territorio del Lazio, delle sue arti tradizionali nonché la promozione dei prodotti gastronomici e dell'artigianato tipico locale ed internazionale avrà in questa prima fase una durata di 12 giorni all'insegna della musica e della danza tradizionale, della musica folk ed etnica, della gastronomia internazionale, dell'artigianato tipico, ma anche delle feste serali con la partecipazione di tantissimi giovani che parlano un linguaggio interculturale.