Estate Setina 2001 

 

   Coinvolgere tutti

Siamo arrivati quasi alla fine di luglio e l’Estate Setina è arrivata a metà del suo percorso stagionale : è giunto il momento quindi di fare un parziale bilancio della manifestazione .

Il programma di questa stagione ha previsto molti appuntamenti culturali e per questo i responsabili comunali del settore spettacolo hanno opportunamente distribuito le diverse serate in vari punti del territorio setino ed in varie piazze del centro storico .

Il 14 luglio 2001 è andato in scena un doppio spettacolo della compagnia teatrale "Le Colonne"

A conferma di ciò ricordiamo che sono state organizzati un cospicuo numero di appuntamenti   a Sezze Scalo, ai Colli di Suso e presso la “Chiesa Nuova”, non dimenticando anche l’altra periferia dei “Casali “ e di “Croce Moschitto” : per tutti c’è stato un contributo di risorse e di mezzi atti ad una buona riuscita degli incontri, prevedendo una continua presenza di pubblico.

Per ricordare gli incontri più riusciti, e di grande partecipazione , ricordiamo la spettacolare apertura dell’Estate Setina in occasione della sentita festa patronale dei santi Lidano e Carlo

( per la quale il Comune non ha fatto mancare un sostanzioso contributo) : erano trascorsi diversi anni dacché non assistevamo a corposi fuochi artificiali, durati per quasi mezz’ora e di sicuro effetto scenico-pirotecnico. Essi sono stati quest’anno organizzati allo scadere della mezzanotte del 2 luglio proprio dietro la facciata della concattedrale di Santa Maria.

Sono state ulteriormente accolti con grande favore del pubblico presente altri ben riusciti appuntamenti quali il concerto di musica leggera delle sempreverdi “Formule”, lo spettacolo teatrale delle immancabili “Colonne”, i due spettacoli di musica “classica” dedicati all’accattivante musica di Astor Piazzola ed allestiti dal “Pentaquinque Ensamble” e dal “Preludium Ensamble”. Ricordiamo inoltre lo spettacolo teatrale,  organizzato dall’Ass.ne “il Baule” in stretto dialetto setino, dedicato alle annose vicende di “Cintruda e Pappìno”, le due maschere che incarnano i due genuini stereotipi del maschio e della femmina sezzese . Per ultimo (ma non in senso artistico) dobbiamo menzionare l’appuntamento  dedicato alla Musica delle provincie zingare d’Italia e curato con maestria dal gruppo “rom” degli “Acquaragia Drom e Talaf ” ( molto vicini alla musicalità del noto Ambrogio Sparagna ).

 

Il Teatro del Prado di Roma presenta "L'arte del teatro" in "Brillanti, chantose e champagne"

Al momento di andare in rete abbiamo ancora nelle orecchie le accattivanti note del concerto folk dei “Briganti di frontiera”, un sestetto di Lenola, che ci ha fatto ascoltare vari pezzi di musica popolare che spaziavano dalle “tammurriate” ai “saltarelli”, da brani religiosi a brani di grande laicità quali i cavalli di battaglia del brigantaggio napoletano del primo periodo post unità d’Italia.E’ stato questo un altro momento artistico gradito e seguito dal pubblico presente. Ci accingiamo ora a gustare gli appuntamenti di “Cinema all’Aperto”, organizzati sia a Sezze che a Sezze Scalo , il cui programma prevede la visione di film già ben noti e premiati nonché di prima visione       ( vedasi “L’ultimo bacio” di G.Muccino ,  “La stanza del figlio” di N.Moretti , “I cento passi” di M.T. Giordana , nonché ...“Pearl Harbor”, “La mummia 2”, “Chocolat”, “Castway”….).

Aspettiamo con simpatia e curiosità anche la replica di “ Forza Venite Gente” dell’Associazione del “Grillo” ( che fuori programma, e con folto pubblico, ha  già messo in scena l’annuale saggio di danza e di balletto di fine d’anno delle allieve setine ). Ancora da vedere sono le coreografie di “Danza”, momento artistico di Luigi Martelletta e dei “Solisti Italiani”, la serata  di “Moda e Spettacolo” del prossimo 9 agosto e l’organizzazione di ben tre momenti dedicati a tre fasce di età: “ La Giornata della Festa dell’Infanzia ”(nel rinnovato parco dei “Cappuccini”) , “ Lo Spazio Giovani ”e  “ La Giornata dell’Anziano ”.

Ricordiamo, in conclusione , anche la prossima “Sagra della zuppa di pane e fagioli” ( dedicata ad uno dei piatti più classici , più popolari e più gustosi della cucina sezzese ) che sarà curata  il 5 e 6 agosto prossimo dall’Ass.ne “Noi di Suso”.

L’Estate dunque non è ancora finita e ci aspettano ulteriori momenti di relax e di cultura: buon divertimento a tutti.

 

    Carlo Luigi ABBENDA