Le Associazioni

ANJUMAN

esposizione opere dal 8 al 16 marzo - Museo Comunale di Sezze

Sabato 8 marzo inaugurazione mostra / Domenica 9 marzo aperto la mattina

Venerdì 14 marzo proiezione film dalle ore 14 alle ore 22 presso Auditorium S.Michele

Sabato 15 marzo incontro con lo scrittore Edoardo Albinati presso il Centro U.Calabresi

Domenica 16 marzo mostra aperta sia la mattina che il pomeriggio, 

ore 18 monologo su Tina Modotti dell'attrice Fatima Scialdoni, ore 19 premiazione mostra

Bando Concorso Fotografico

“Vite in Viaggio”

Caratteristiche del concorso

L’Associazione “Anjuman” con sede in Sezze, via dei Cappuccini n.4, con il contributo della Provincia di Latina, Assessorato alla cultura, e il patrocinio del Comune di Sezze, indice il concorso fotografico dal titolo: “Vite in Viaggio”

Il tema del concorso pone l’attenzione sull’importanza del “viaggio” inteso come strumento di conoscenza dell’altro e di se stessi, ma anche come sfida, missione, superamento dei propri confini.

La partecipazione è gratuita ed è aperta a tutti i fotografi, dilettanti e professionisti.

Il Concorso è diviso in due sezioni: Sezione bianco e nero e Sezione colore.

 

Termine e modalità di presentazione

La domanda di partecipazione (fac- simile allegato al presente bando), e il materiale fotografico, devono essere inviati in busta chiusa e protetti da due supporti rigidi.

La foto non dovrà essere incorniciata, l’associazione curerà direttamente l’allestimento delle foto.

La domanda dovrà essere compilata in ogni sua parte e firmata di pugno dal partecipante al concorso.

La sua compilazione e invio costituirà la volontà di partecipare al Concorso e la completa accettazione del presente bando.

La domanda e il materiale fotografico devono pervenire entro e non oltre il 04.03.2008 al seguente indirizzo: Associazione Anjuman, concorso fotografico, via dei Cappuccini, n.4, cap 04018 – Sezze (LT).

 

Giuria

La Giuria, composta da 3 membri, visionato il materiale pervenuto, provvederà ad una prima selezione, quindi assegnerà il premio alla foto giudicata migliore di ciascuna sezione.

Il giudizio della Commissione è insindacabile. Le foto selezionate verranno esposte presso i locali dell’Antiquarium Comunale di Sezze dal giorno 08.03.2008 al 16.03.2008.

 

Inaugurazione mostra

La mostra verrà inaugurata il giorno 8.03.2008 alle ore 18.00 presso l’Antiquarium Comunale di Sezze, L.go Bruno Buozzi .

 

Premiazione dei vincitori

La premiazione si terrà il giorno 16.03.2008 alle ore 18.00 presso l’Antiquarium Comunale di Sezze, L.go Bruno Buozzi .

 

Categorie e caratteristiche del materiale

Ogni partecipante al Concorso potrà concorrere ad una o ad entrambe le Sezioni inviando:

-         per la Sezione Fotografia Bianco e Nero un massimo di quattro stampe, preferibilmente del formato  20X30;

-         per la Sezione Fotografia a Colori, un massimo di quattro stampe, preferibilmente del formato 20X30.

Sul retro delle stampe dovranno essere riportati i seguenti dati: nome e cognome del concorrente, luogo dello scatto, anno dello scatto,  titolo dell’opera.

Tutto il materiale pervenuto, di entrambe le sezioni, non verrà restituito.

 

Premi

Per ciascuna Sezione verrà assegnato un primo premio, per un totale di due premi.

Ai vincitori di ciascuna sezione verrà consegnato un volume fotografico dal titolo 

Terre Pontine. La creazione di un paesaggio. Foto di Paolo Petrignani. Libro Eventi 

e  un trolley da viaggio.

 

Premio gradimento del pubblico

Durante l’esposizione i visitatori saranno invitati ad esprimere la propria preferenza sulle foto esposte.

La foto che riceverà il maggior numero di preferenze riceverà un premio speciale  in occasione della serata di premiazione.

 

Informazioni

Per qualunque informazione relativa al concorso si possono chiamare i seguenti numeri telefonici:  

3929227561   3382527794   3475542123   3290149752  


Sabato 8 marzo "Vite in viaggio"

inaugurazione mostra fotografica

 

video di Pietro Paletta

L'Associazione vuole ringraziare tutti coloro che hanno reso possibile la realizzazione dell'evento. Vogliamo ringraziare l'assessore alla Promozione culturale della Provincia di Latina e il Comune di Sezze. Un ringraziamento particolare sentito alla Regione Friuli Venezia Giulia che ci ha inviato le pubblicazioni su Tina Modotti che riceveranno tutti i partecipanti al concorso, e la Fondazione, intitolata alla fotografa che ci ha fornito i poster per l'allestimento della sala a lei dedicata. La giuria, composta dal sig. Gianni Vicaro e dal sig. Ignazio Romano, e la stessa associazione, ha molto apprezzato la qualità delle fotografie che sono state inviate. Il tema proposto si presentava alle più svariate interpretazioni, ed effettivamente abbiamo registrato una varietà di immagini particolarmente suggestive  e stimolanti.
Nelle foto, tutte assai diverse e personali, la giuria ha colto un elemento comune che vale la pena di sottolineare.
Il Viaggio è stato interpretato nel senso più autentico dell'espressione e mai come semplice occasione turistica.
Ci sono immagini che evocano il viaggio nel senso di missione,altre nelle quali prevale la denuncia sociale,altre come percorso personale nei propri ricordi,altre, infine, come sfida alla natura e ai propri limiti.
In tutte, comunque, assai marcato è il senso di rispetto per l'altro, per il mondo apparentemente distante, sia per lo sguardo del fotografo si soffermi sulla povertà del Brasile o dei bambini africani,sia che si appunti sulla fatica dei portatori d'acqua in India, Anche le foto di grande impatto emotivo, che denunciano gli squilibri sociali di questa nostra umanità, non indulgono mai con morbosità sulla condizione dell'altro. C'è un senso di profonda pieyas per l'infanzia negata e la femminilità umiliata. In una parola, c'è partecipazione e attenzione. Ma ci è piaciuto anche lo sguardo più leggero e sereno che ci coglie in alcuni scatti, dove sono ritratti gli animali, compagni di viaggio dell'uomo da sempre,o quelli in cui si immortala la quotidianità di una strada o l'allegria di una bimba che canta con le braccia alzate per le strade di una città cubana. Al momento dell'allestimento della mostra ci siamo chiesti se era opportuno seguire un ordine, ad esempio geografico, considerando che gli scatti provengono dai luoghi più diversi del pianeta. Poi è prevalsa l'idea di accostare le immagini un pò casualmente, così da permettere al visitatore di correre con lo sguardo e l'immaginazione verso realtà distanti, in un viaggio senza rotte prefissate, sopratutto, senza meta, come forse dovrebbe essere ogni vero Viaggio.

I PREMI IN BIANCO E NERO

LUCIO PLANERA " SOLCO PERENNE"
Per la qualità dell'immagine e per il perfetto bilanciamento compositivo della foto. Particolarmente suggestiva è l'atmosfera rarefatta che rimanda ad un luogo senza tempo e ad un paesaggio quasi sospeso nell'irrealtà.
LEOPOLDO TOMEI "LA STRADA COME PALCO"
Una foto che aderisce perfettamente al tema proposto. Uno sguardo discreto su una vita in viaggio perenne, ma anche il racconto, in uno scatto, della solitudine lieta di un uomo libero,anzitutto dalle convenzioni.


I PREMIO  A COLORI

MATILDE CAPPELLI "LA SFIDA"
Il Deserto che si fa mare. Le dune, per uno strano gioco dei venti,assomigliano a onde e la sfida è quella di una carrovana lontana.Una foto di grande impatto, dove il colore del deserto è saturo di una luce accecante e pura.
CRISTIANA GRASSUCCI "Anime velate"
Una processione di donne velate, unite dal colore nero e dallo stesso destino. La foto è molto suggestiva e cromaticamente di forte impatto. Non sappiamo chi siano le figure ritratte, di certo sono anime in cammino.

MENZIONE SPECIALE
FRANCESCA PAOLELLI
Per la freschezza delle intuizioni e per aver saputo cogliere le immagini attraverso un'inquadratura originale e personale. Particolarmente apprezzabile è la sensibilità dimostrata nel ritrarre la condizione di popoli lontani legati ad un passato ancora vivo.

PREMIO GRADIMENTO DEL PUBBLICO
AGOSTINO LOFFREDI


Sabato 15 marzo "Narrare il viaggio"

incontro con lo scrittore Edoardo Albinati

coordinano la prof.ssa Elena Ottaviani e il giornalista Massimo Cerina - contributo musicale di Fabio Morosillo

Edoardo Albinati, uno degli scrittori italiani che alla delicata creatività poetica meglio sa accoppiare un forte impegno civile (è insegnante presso il carcere di Rebibbia ed ha vissuto l’esperienza della Forza di Pace Onu in Afganistan) è intervenuto presso il centro sociale “Ubaldo Calabresi” di Sezze sabato 15 marzo – alle ore 10,00 – per un incontro sul tema “Narrare il viaggio”. Si tratta di una iniziativa organizzata dall’associazione culturale Anjuman nell’ambito di una settimana di eventi culturali sul tema appunto del viaggio che ha visto anche la realizzazione di una mostra fotografica, di una rassegna di film sull’argomento e l’allestimento di un monologo teatrale. La conferenza di Edoardo Albinati ( presentato dalla professoressa Elena Ottaviani e da Massimo Cerina) rappresenta indubbiamente il fiore all’occhiello di questo impegno dell’associazione Anjuman. Nato a Roma nel 1956 Edoardo Albinati è oggi una delle figure di maggior rilievo nel panorama letterario nazionale. Tra le sue principali pubblicazioni ci sono: Il polacco lavatore di vetri, Orti di guerra, 19, Maggio selvaggio (ispirato al suo insegnare ai detenuti), Il ritorno (sulla sua esperienza in Afganistan). Nella scrittura di Albinati l'occhio crudelmente critico che scruta la realtà si immedesima costantemente con un senso realistico e con un rifiuto netto dell'evasione tanto consolatrice tanto utopica. La sua è una prosa antiretorica che canta, ad un tempo, le contraddizioni della vita quotidiana e le lotte umane più autentiche, il tutto al di là di qualsiasi militanza ideologica e di fede nell' impegno astratto e compiaciuto. Come ha scritto un famoso critico: “Albinati non è un radical-chic, è un figlio del popolo, che scrive per far emergere la gustosa densità della vita, i suoi umori, le sue, seppur lievi, aperture di sacralità”. Una conferenza la sua indubbiamente interessante con la partecipazione di un gruppo di studenti degli istituti delle scuole superiori di Sezze.